EMERGENZA CORONAVIRUS - DECRETO LEGGE 18 MAGGIO 2021 N. 65 - RIPRESA ATTIVITÀ - NUOVE MISURE

Data:
30 Agosto 2021

Il Governo, con Decreto Legge 18 maggio 2021 n. 65, ha introdotto nuove misure in tema di emergenza epidemiologica da Covid-19 in vista della ripresa delle attività economiche e sociali; per quanto non indicato dal nuovo decreto, fino al 31 luglio continuano ad applicarsi i contenuti del decreto legge 52/2021 e del dpcm 2 marzo 2021.

 

Ferma restando la classificazione della Regione Lombardia in “zona GIALLA”, a partire dal 19 maggio 2021 le disposizioni da applicare sono le seguenti.

 

Innanzitutto i limiti orari agli spostamenti da oggi sono fissati dalle ore 23,00 alle ore 5,00.

Dal 7 al 20 giugno tali limiti verranno spostati dalle ore 24,00 alle ore 7,00 e dal 21 giugno decadranno tutte le limitazioni.

 

ATTIVITA’ COMMERCIALI IN SEDE FISSA

Sono consentite le attività commerciali al dettaglio sia esercizi di vicinato, che medie e grandi strutture di vendita ANCHE NEI CENTRI COMMERCIALI, GALLERIE COMMERCIALI, PARCHI COMMERCIALI ED ALTRE STRUTTURE AD ESSI ASSIMILABILI senza limitazioni nei fine settimana.

 

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

Mercati: consentito il regolare svolgimento dei mercati per tutte le tipologie di vendita (alimentare e non alimentare).

Itineranti: consentiti.

 

ATTIVITA’ DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE:

(tra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie, rosticcerie, pizzerie, chioschi):

Consentite:

  • ristorazione con consumo al tavolo a pranzo e a cena purché all’aperto;
  • dal 1° giugno ristorazione con consumo al tavolo al chiuso sia a pranzo che a cena nel rispetto dei limiti orari agli spostamenti;
  • vendita d’asporto durante gli orari di apertura anche per le attività che hanno come prevalente il codice ateco 56.3 (come da nota Ministero interno n. 15350 del 7 maggio 2021 qui allegata) con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze;
  • la consegna a domicilio sempre.

Sempre consentita:

  • l’attività di ristorazione senza limiti di orario in alberghi e strutture ricettive agli alloggiati;
  • l’attività di ristorazione in aree di servizio autostradali, negli ospedali e negli aeroporti;
  • mense e catering continuativo su base contrattuale;
  • la somministrazione di alimenti e bevande nei circoli ricreativi, culturali e sociali del Terzo settore.

 

Ø   SERVIZI ALLA PERSONA (tra cui acconciatori, estetiste, tatuatori)consentiti.

 

Ø   ATTIVITA’ RICETTIVEconsentite.

 

Ø   SPETTACOLI, CINEMA, TEATRI, SALE CONCERTO, LIVE CLUB: consentiti alle seguenti condizioni:

  • posti a sedere preassegnati a una distanza di almeno un metro;
  • capienza massima pari al 50% di quella massima autorizzata e comunque non superiore a 500 spettatori al chiuso e 1000 all’aperto.

 

Ø   PISCINE E CENTRI NATATORI ALL’APERTOaperte

 

Ø   MUSEI, MOSTRE, ISTITUTI E LUOGHI DELLA CULTURA: apertura con modalità di fruizione contingentata.

 

Ø   ATTIVITA’ SPORTIVE ALL’APERTOConsentita qualsiasi attività sportiva anche di squadra e di contatto; interdetto l’uso degli spogliatoi.

 

Ø   IMPIANTI SCIISTICI: riaperti dal 22 maggio.

 

Ø   MANIFESTAZIONI ED EVENTI SPORTIVI di livello agonistico: riaperti al pubblico dal 1° giugno; capienza consentita del 25% di quella massima autorizzata e comunque non superiore a 1000 spettatori per gli impianti all’aperto e 500 per quelli al chiuso (salvo specifiche deroghe).

 

Ø   Altre MANIFESTAZIONI ED EVENTI SPORTIVI: riaperti al pubblico dal 1° giugno all’aperto e dal 1° luglio al chiuso; capienza consentita del 25% di quella massima autorizzata e comunque non superiore a 1000 spettatori per gli impianti all’aperto e 500 per quelli al chiuso.

 

Dal 24 MAGGIO possibile la riapertura di:

  • PALESTRE: nel rispetto dei protocolli e della distanza interpersonale di 2 metri con sistema di ricambio d’aria;

 

Dal 15 GIUGNO possibile la riapertura di:

  • FIERE;
  • PARCHI TEMATICI E DI DIVERTIMENTO;
  • FESTE NEI LUOGHI AL CHIUSO E ALL’APERTO conseguenti alle cerimonie civili e religiose.

 

Dal 1° LUGLIO possibile la riapertura di:

Ø   PISCINE E CENTRI NATATORI al coperto;

Ø   CENTRI BENESSERE E TERMALI;

Ø   SALE GIOCHI, SCOMMESSE, BINGO E CASINO’ anche in locali con attività diversa;

Ø   CENTRI CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVI;

Ø   CONGRESSI E CONVEGNI;

Ø   CORSI DI FORMAZIONE pubblici e privati.

 

LE ATTIVITA’ CONSENTITE DEVONO SVOLGERSI nel rispetto del distanziamento e delle specifiche linee guida.

 

Sale da ballo e discoteche e locali assimilatiall'aperto o al chiuso restano sospese.